DeFi su Bitcoin spiegato: Come funziona?

Gianluca Lombardi, 6 min di lettura
Ultimo aggiornamento: 12 Agosto, 2023

defi su bitcoin


  • DeFi con Bitcoin
  • DeFi su piattaforme alternative per i contratti intelligenti
  • Palificazione e tokenizzazione

Cos’è la DeFi su Bitcoin

L’introduzione della DeFi su Bitcoin nel novembre 2021 è stata resa possibile dal successo dell’integrazione dell’aggiornamento Taproot. Questo aggiornamento ha fornito funzionalità di scripting più avanzate. Con l’avvento di Taproot, il Bitcoin può ora accettare applicazioni decentralizzate, presentandosi come un concorrente credibile contro Ethereum per gli sviluppatori che intendono implementare dApp.

Ma come potrebbe essere un ecosistema DeFi sostenibile con Bitcoin che permetta la stessa decentralizzazione, anonimato e auto-polizia della DeFi di Ethereum?

Alternativa 1: portare il Bitcoin nell’infrastruttura DeFi di Ethereum. Attualmente esistono due soluzioni per questo scopo: WBTC e tBTC.

Alternativa 2: costruire un proprio ecosistema DeFi indipendente attorno al Bitcoin.

WBTC

Wrapped Bitcoin (WBTC) è un token ERC-20 protetto 1:1 con bitcoin. Con WBTC è possibile utilizzare le DApp DeFi su Ethereum. Tuttavia, per ricevere WBTC, è necessario depositare BTC in un deposito centralizzato. A tal fine, si applicano le consuete restrizioni KYC e AML. Ciò significa che devi fidarti del fatto che il deposito centralizzato sbloccherà completamente i bitcoin immagazzinati se a un certo punto verranno sostituiti.

tBTC

tBTC utilizza lo stesso approccio. Anche questo è un token ERC20, sostenuto da bitcoin 1:1 e disponibile per le DApp DeFi su Ethereum. Tuttavia, non è necessario inviare BTC a un deposito centrale. Al contrario, Keep Network permette di depositare Bitcoin in modo anonimo e senza fiducia per ricevere tBTC. Il tBTC può anche essere riconvertito in bitcoin in qualsiasi momento, tramite Keep Network.

L’idea di rendere il bitcoin utilizzabile nell’ecosistema DeFi di Ethereum tramite token ERC20 coperti è sicuramente interessante. In questo modo, i possessori di bitcoin potranno accedere a molte DApp della DeFi senza dover vendere bitcoin.

defi staking rewards
Fonte: StakingRewards.com

DeFi con Ethereum vs DeFi con Bitcoin

Lo spazio DeFi è cresciuto fortemente dal 2019. Questo è avvenuto principalmente sulla piattaforma Ethereum. In questo articolo ti mostreremo come la Defi può funzionare con il bitcoin.

La maggior parte delle DApp e degli Smart Contract DeFi si basa su Ethereum e sul linguaggio di programmazione Solidity.

Ethereum è spesso criticato, non solo dai massimalisti del bitcoin o dai fan di altre piattaforme di smart contract. I critici lamentano il fatto che l’ETH non ha una circolazione massima, come nel caso del Bitcoin. Sotto questo aspetto, l’ETH è come la moneta fiat e la possibilità di generare arbitrariamente altri token ERC20 presenta un potenziale problema di inflazione.

Inoltre, il progetto è troppo centralizzato. Vitalik Buterin ne stabilisce spesso la direzione e non si sa se Ethereum avrebbe lo stesso carisma senza di lui. Non è ancora chiaro quando o addirittura se Ethereum riuscirà a gestire l’espansione della scalabilità prevista passando dal meccanismo di consenso proof-of-work a quello proof-of-stake.

Bitcoin, invece, non ha bisogno di un volto pubblico. Inoltre, non ha co-fondatori come nel caso di Ethereum per darsi un tono. Da parte sua, la blockchain Bitcoin è considerata la rete blockchain più antica e sicura. Rispetto alla maggior parte delle altre blockchain, ha una struttura notevolmente decentralizzata. Il Bitcoin ha la più grande capitalizzazione di mercato ed è quindi la rete blockchain di maggior valore, oltre ad avere la maggiore liquidità. Inoltre, il tetto massimo di 21 milioni di unità costituisce la base per una moneta stabile.

Eppure Ethereum è considerato un driver tecnologico incredibilmente dinamico nello spazio blockchain. Il gran numero di sviluppatori e la possibilità di combinare più DApp DeFi non sono attualmente offerti da nessun’altra rete blockchain.

In questo contesto, sono emersi due approcci diversi su come implementare con successo la DeFi con il bitcoin.

defi ethereum
DeFi di Ethereum, Fonte: https://yos.io/2019/12/08/decentralized-finance-explained/

Reti laterali

L’alternativa di Ethereum alla DeFi con WBTC o tBTC è l’ecosistema DeFi per bitcoin che utilizza le sidechain.

Anche le sidechain sono blockchain. Tuttavia, servono principalmente a facilitare altre blockchain, le cosiddette core chain. Con una sidechain, puoi visualizzare la blockchain principale come un’autostrada e la sidechain come un percorso secondario che ha un’uscita e un’entrata nell’autostrada. L’analogia con i saldi bancari e il denaro in circolazione chiarisce anche la funzionalità della catena laterale.

Utilizzando l’esempio di Bitcoin, le catene laterali possono essere utilizzate per abilitare ulteriori funzionalità e transazioni di Bitcoin senza compromettere la sicurezza e la capacità della blockchain di Bitcoin (catena principale).

A tal fine, i Bitcoin devono essere trasferiti in modo sicuro dalla catena principale alla catena secondaria. Le monete vengono inviate a un indirizzo di origine e lì congelate per rendere utilizzabili le corrispondenti monete protette 1:1 nella catena laterale. Grazie alla connessione bidirezionale, questa operazione è possibile anche nell’altra direzione. Esistono diversi approcci alla sicurezza dei link, come il monitoraggio centrale, le federazioni multi-firma, le catene guidate o le soluzioni ibride.

rsk

Rootstock

Rootstock (RSK) è una rete side-by-side che mira a consentire la piena funzionalità dello smart contract bitcoin DeFi. La connessione bidirezionale è progettata per garantire che diverse DApp DeFi possano essere utilizzate nella sidechain RSK con SBTC (Smart Bitcoin). SBTC è coperto 1:1 con BTC.

Oltre alle stablecoin, la gamma DeFi di RSK comprende anche il trading decentralizzato (DEX), i derivati, i pagamenti intelligenti e molto altro ancora. La particolarità di RSK è che offre la compatibilità con i contatti intelligenti di Ethereum.

Piattaforme di smart contract alternative per la DeFi

Anche se Ethereum è attualmente la piattaforma preferita per le DApp della DeFi, ciò è dovuto in ultima analisi alla programmabilità dei contratti intelligenti. Tuttavia, come sappiamo, esistono diverse piattaforme di contratti intelligenti serie come EOS e Tezos, sono solo due di queste.

Ci sono già le prime DApp DeFi su EOS e si prevede che il numero aumenterà e le DApp DeFi appariranno su altre piattaforme.

Non è ancora chiaro fino a che punto le altre piattaforme di contratti intelligenti possano raggiungere Ethereum in questa direzione. Tuttavia, Ethereum ha un enorme vantaggio grazie all’effetto rete in quanto “first mover”. Ma non bisogna sottovalutare il fatto che blockchain come Tezos o EOS offrono già una capacità significativamente migliore e una velocità di transazione superiore.

DeFi Prime offre una buona panoramica delle DApp DeFi basate su Ethereum, EOS e Bitcoin.

defi prime
Fonte: defiprime.com

DeFi con EOS

  • EOSREX è una delle piattaforme di banding basate su EOS
  • EOSDT è una moneta stabile della EOS Blockchain
  • YOLO e WhaleEx sono DEX basati su EOS

DeFi con Tezos

Analogamente a WBTC e tBTC di Ethereum, è recentemente emerso un token di Tezos, tzBTC, che è garantito 1:1 con il bitcoin. Grazie a tzBTC, è possibile realizzare il lancio della DeFi sulla rete Tezos.

Altre tendenze

Oltre alle DApp della DeFi che consentono vari servizi finanziari decentralizzati, ci sono altre tendenze della blockchain che possono essere classificate come DeFi.

Palificazione

Lo staking sta crescendo di popolarità da un po’ di tempo a questa parte. Funziona in modo simile al prestito nella DeFi. Nel prestito, le criptovalute vengono inserite in uno smart contract come garanzia e in cambio si possono ottenere interessi. Nel caso dello staking, le criptovalute sono anch’esse bloccate e la ricompensa è la cosiddetta ricompensa dello staking. Tuttavia, lo staking è molto di più. Garantisce anche la sicurezza e la stabilità della blockchain, che si basa su un meccanismo di consenso per la prova di puntata.

Tokenizzazione

Un’altra tendenza che esiste da tempo ed è molto promettente per il futuro è la cosiddetta tokenizzazione degli asset nella blockchain. Ciò significa che, in linea di principio, qualsiasi bene con un certo valore può essere rappresentato sotto forma di token su una blockchain. Acquistando un certo numero di token, è possibile detenere quote di questi valori come asset. Inoltre, questi beni possono essere anche prodotti finanziari.

La tokenizzazione può rendere l’investimento classico più economico, più veloce e più sicuro, oltre che essere disponibile 24 ore su 24. Può consentire l’accesso agli investimenti in beni reali anche a coloro che in precedenza non potevano investire a causa di vincoli geografici o finanziari. La tokenizzazione offre quindi un’alternativa ai metodi di investimento convenzionali, ormai ampiamente superati!

La tokenizzazione ha avuto il suo primo impulso nel 2017, quando sono state organizzate diverse ICO (Initial Coin Offerings) su Etherium.

È ampiamente realistico che in futuro sarà possibile utilizzare azioni o ETF sotto forma di token, la cui proprietà e autenticità sono supportate dalla tecnologia blockchain decentralizzata. E con Etherium, esiste già un corrispondente standard applicato per questa applicazione.

Conclusioni

La DeFi ha il potenziale per rivoluzionare la finanza convenzionale così come la conosciamo. E la DeFi è solo all’inizio del suo sviluppo. Ogni giorno gli sviluppatori sviluppano nuove DApp su diverse piattaforme di contratti intelligenti.

I vantaggi dell’utilizzo di servizi finanziari anonimi e non bancari 24 ore su 24 sono impressionanti. Ma queste nuove opportunità presentano anche nuovi rischi. Ora puoi assicurarti contro alcuni di questi rischi.

Ethereum è molto più avanti in termini di numero di DApp DeFi e di volume di beni memorizzati negli smart contract DeFi. I token ERC20 garantiti da bitcoin che possono essere utilizzati su queste DApp DeFi aiutano Ethereum a mantenere il suo vantaggio. Tuttavia, le piattaforme di smart contract concorrenti sono pronte a sfruttare immediatamente qualsiasi punto debole di Ethereum. La cosa positiva è che, come tutti sappiamo, la concorrenza fa bene agli affari.

Quindi il gigante addormentato, DeFi, può anche utilizzare catene laterali come Rootstock per rinnovare completamente le mappe.

Tuttavia, queste rivalità potrebbero facilmente trasformarsi in una simbiosi. L’interoperabilità di più blockchain tra loro permette la coesistenza o addirittura la rende necessaria. Dopo tutto, non si tratta di Bitcoin contro Ethereum o Ethereum contro EOS, ma di DeFi e Blockchain contro il vecchio sistema finanziario!

Gianluca Lombardi

Gianluca è il caporedattore di questo sito. Laureato in finanza, è un trader attivo che ha testato tutte le piattaforme di trading e ne conosce tutti i segreti. La tecnologia è la sua passione e trascorre gran parte del suo tempo libero nel metaverso. Gianluca ama imparare cose nuove, ricercare, discutere e scrivere di tecnologia, soprattutto quando si tratta di criptovalute e tecnologia blockchain.