Weekly Pulse #15: Panoramica Settimanale del Mercato

Gianluca Lombardi, 4 min di lettura
Ultimo aggiornamento: 17 Giugno, 2024

weekly pulse #3

Mercato delle criptovalute

Introduzione

a scorsa settimana il mercato delle criptovalute è stato ricco di sviluppi degni di nota, dall’appoggio di Donald Trump al mining di Bitcoin all’attesa per il lancio dei fondi negoziati in borsa (ETF) di Ethereum (ETH). Nel frattempo, Curve Finance ha affrontato una battuta d’arresto significativa e MicroStrategy ha continuato a raddoppiare la sua strategia di investimento in Bitcoin. Approfondiamo i dettagli di questi eventi e il loro potenziale impatto sul mercato.

L’appoggio di Trump fa crescere l’industria mineraria del Bitcoin

In un sorprendente colpo di scena, l’ex Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha incontrato figure di spicco dell’industria mineraria del Bitcoin, tra cui i rappresentanti di CleanSpark, Riot Platforms, Marathon Digital e Fidelity. Le dichiarazioni positive di Trump sul settore sono state accolte con entusiasmo dalle figure chiave presenti, che hanno espresso il loro sostegno all’industria. Questa approvazione potrebbe potenzialmente favorire un’ulteriore crescita e investimenti nel mining di Bitcoin, in quanto ottiene il riconoscimento da parte di persone di alto profilo.

ETF Ethereum: Un gioco di indovinelli sulle date di lancio

Il lancio degli ETF Ethereum è stato oggetto di molte speculazioni, con previsioni diverse su quando potrebbero essere disponibili. Mentre alcuni analisti avevano inizialmente previsto un lancio entro la fine di giugno, i commenti del Presidente della SEC Gary Gensler in occasione di un’audizione della Commissione bancaria del Senato il 13 giugno hanno suggerito che le approvazioni potrebbero richiedere mesi. Tuttavia, il consenso è cambiato, e alcuni ora prevedono un lancio già il 2 luglio. Il processo semplificato, grazie alle lezioni apprese dai depositi dell’ETF Bitcoin, ha contribuito a questa tempistica aggiornata. In attesa del lancio, sarà interessante osservare la performance dell’ETH sul mercato e gli afflussi nei giorni successivi all’introduzione degli ETF.

Il fondatore di Curve Finance affronta liquidazioni significative

Curve Finance, un importante protocollo di finanza decentralizzata (DeFi), ha subito un’importante battuta d’arresto questa settimana, in quanto il suo fondatore, Michael Egorov, ha dovuto affrontare liquidazioni sostanziali. Egorov aveva preso in prestito quasi 100 milioni di dollari in stablecoin contro 140 milioni di dollari in CRV, il token nativo del protocollo. Di conseguenza, il prezzo di CRV è sceso del 30% ed Egorov ha perso oltre 100M di token CRV. Nonostante ciò, Egorov rimane impegnato nella costruzione di Curve e intende concentrarsi sul potenziamento dei prodotti di prestito e di prestito del protocollo. L’incidente ha suscitato un dibattito all’interno della comunità, con alcuni che hanno messo in dubbio le motivazioni di Egorov. Tuttavia, venerdì ha segnato il più grande giorno di chiusura per CRV da mesi, indicando che molti ritengono che il peggio sia passato per Curve Finance.

MicroStrategy aumenta l’offerta di investimenti in Bitcoin

MicroStrategy, guidata da Michael Saylor, è stata un’importante sostenitrice degli investimenti in Bitcoin. La scorsa settimana, l’azienda ha annunciato un aumento di 500 milioni di dollari per investire in Bitcoin, che da allora è aumentato di altri 200 milioni di dollari. L’impegno di Saylor nei confronti del Bitcoin rimane incrollabile, come dimostrano i suoi recenti commenti ad una conferenza a Praga. Ha sottolineato che le persone potrebbero esitare ad acquistare Bitcoin a 950.000 dollari e poi perdere l’opportunità di investire durante un calo a 700.000 dollari. Saylor ha persino parlato di un potenziale prezzo di 8 milioni di dollari per il Bitcoin in un futuro lontano, a seconda dello stato della valuta fiat. Sebbene questo possa sembrare assurdamente alto, dimostra la sua convinzione a lungo termine nella criptovaluta.

Quindi…

La scorsa settimana il mercato delle criptovalute è stato caratterizzato da sviluppi significativi, dalle approvazioni di alto profilo all’anticipazione di nuovi veicoli di investimento. Mentre il mercato continua ad evolversi, sarà fondamentale monitorare l’impatto di questi eventi sui prezzi e sull’adozione delle varie criptovalute. Con il potenziale lancio di Ethereum ETF e il dibattito in corso sulla Curve Finance, le prossime settimane porteranno probabilmente ulteriore eccitazione e volatilità nello spazio delle criptovalute.

Mercati tradizionali

Le turbolenze europee affondano le azioni

Le azioni europee hanno affrontato la peggiore settimana da ottobre a causa dell’instabilità politica in Francia, scatenata dall’annuncio del Presidente Macron di un’elezione legislativa lampo. Lo Stoxx 600 è sceso dello 0,8%, con l’indice francese CAC 40 che ha cancellato i guadagni del 2022. Le principali banche francesi, come BNP Paribas e Societe Generale, hanno registrato perdite sostanziali, in quanto gli investitori sono diventati diffidenti nei confronti di politiche fiscali poco rigorose nel caso in cui il partito di estrema destra National Rally di Marine Le Pen dovesse conquistare il potere. Le turbolenze hanno aumentato il premio sul debito francese rispetto alla Germania, ricordando la crisi dell’Eurozona del 2011. Anche l’euro è scivolato al livello più basso rispetto al dollaro da aprile.

Nonostante l’ansia, i fondamentali restano solidi

Sebbene i mercati europei abbiano ceduto al nervosismo politico, gli utili aziendali sottostanti e la crescita economica rimangono solidi. Il trading misto in Asia ha visto l’indice MSCI Asia Pacific scendere a causa delle perdite in Australia e Cina, mentre il benchmark giapponese Nikkei ha registrato una ripresa. L’anticipazione di futuri aumenti dei tassi da parte della Banca del Giappone ha inizialmente indebolito lo yen, prima di ridurre le perdite. I dati chiave di questa settimana includono le osservazioni del Presidente della Fed di Chicago Austan Goolsbee e il sondaggio sulla fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan, che fornirà ulteriori indizi sulla salute dell’economia statunitense.

La calma dopo la tempesta della “tripla stregoneria

Nonostante le scintille di volatilità pre-vacanziere dovute all’evento “triple witching” di venerdì, in cui sono scadute simultaneamente opzioni su azioni, futures su indici e opzioni su indici, la nuova settimana di trading è iniziata con calma. Sebbene i futures azionari statunitensi si siano leggermente ritirati, i mercati si aspettano che lo slancio positivo derivante dai dati sull’inflazione della scorsa settimana continui. Sia l’S&P 500 che il Nasdaq 100 hanno toccato i massimi storici la scorsa settimana, dopo che la crescita piatta dell’Indice dei prezzi al consumo di maggio ha suggerito che le pressioni inflazionistiche si stanno attenuando.

L’inflazione moderata sostiene le azioni

L’indice dei prezzi al consumo invariato di maggio ha lasciato intendere che la fase peggiore dell’inflazione potrebbe essere passata, sostenendo l’S&P 500 e il Nasdaq a nuovi massimi. Il rallentamento della crescita dei costi dell’energia e dei trasporti ha portato al sollievo dell’inflazione, mentre gli investitori speravano in un “atterraggio morbido” dell’economia. L’entusiasmo post-CPI si è un po’ affievolito quando la Fed ha ridimensionato le aspettative di futuri tagli dei tassi, sottolineando la necessità di ulteriori dati prima di modificare la sua posizione politica. Ciononostante, rimane la speranza che il picco dell’inflazione sia passato, concedendo alle azioni un ulteriore spazio per salire.

Il Regno Unito si prepara a prendere in considerazione un taglio dei tassi

Dall’altra parte dell’Atlantico, i mercati britannici si stanno preparando per la riunione della Banca d’Inghilterra di giovedì. Sebbene sia universalmente previsto un mantenimento dei tassi, il recente deterioramento economico potrebbe indurre i responsabili politici a considerare maggiormente i tagli. I dati sull’inflazione di questo mese hanno sottovalutato la crescita dei prezzi, segnalando che i futuri aumenti potrebbero essere più consistenti del previsto. Nonostante i timori di recessione, il Fondo Monetario Internazionale ha aggiornato le previsioni di crescita economica della Gran Bretagna per il 2023, grazie alla forte resistenza del mercato del lavoro. Tuttavia, la volatilità potrebbe attanagliare gli asset del Regno Unito questa settimana, a seconda di eventuali segnali da falco da parte della BOE.

Gianluca Lombardi

Gianluca è il caporedattore di questo sito. Laureato in finanza, è un trader attivo che ha testato tutte le piattaforme di trading e ne conosce tutti i segreti. La tecnologia è la sua passione e trascorre gran parte del suo tempo libero nel metaverso. Gianluca ama imparare cose nuove, ricercare, discutere e scrivere di tecnologia, soprattutto quando si tratta di criptovalute e tecnologia blockchain.