Trading azionario: come funziona e differenze con l’investimento

Gianluca Lombardi, 11 min di lettura
Ultimo aggiornamento: 21 Giugno, 2023

un uomo che spiega il trading azionario

Il trading azionario si concentra sui guadagni a breve termine piuttosto che sull’accumulo di ricchezza a lungo termine. Per prosperare in questo mondo, devi armarti delle giuste conoscenze e strategie.

Vediamo quindi quali sono gli elementi essenziali del trading azionario per aiutarti a capire se è la scelta giusta per i tuoi obiettivi di investimento.

E ricorda che se vuoi migliorare il tuo trading, le nostre risorse sul trading sono a portata di clic, ricche di preziosi approfondimenti e strumenti per guidarti nel tuo percorso.

Cosa si intende per trading di azioni?

Le azioni o i titoli azionari, come vengono spesso chiamati in breve, sono investimenti che rappresentano la proprietà di una società. Le aziende emettono azioni per raccogliere fondi che consentano loro di crescere e svilupparsi. Quando acquisti azioni, diventi essenzialmente comproprietario della società sottostante e hai diritto a una quota dei suoi profitti. Il trading azionario consiste nell’acquisto e nella vendita di queste quote sul mercato azionario. Il trading azionario comprende anche l’acquisto e la vendita di altri strumenti finanziari come obbligazioni, derivati, ecc.

Le azioni vengono negoziate in borse valori come il New York Stock Exchange (NYSE), il NASDAQ, il London Stock Exchange (LSE) e l’Australian Stock Exchange (ASX). La borsa agisce come un mercato in cui gli acquirenti di azioni possono incontrare i venditori. Per fare trading è necessario avere un conto di investimento presso un brokeraggio azionario o una piattaforma di investimento. Se hai dei fondi a disposizione e desideri imparare a fare trading, i broker online hanno reso semplice la negoziazione di azioni dal tuo computer o smartphone.

Tipi di trading azionario

Il trading azionario è popolare in tutto il mondo grazie agli enormi guadagni che promette. Le celebrità hanno guadagnato milioni con il trading azionario. I nuovi arrivati spesso non conoscono i tipi di trading azionario. Ecco una panoramica dei tipi di trading azionario per facilitarti l’ingresso nel settore!

Day Trading

Il day trading è una strategia utilizzata dagli investitori azionari per acquistare, vendere e chiudere le loro posizioni sullo stesso titolo nel corso di una giornata di trading, senza preoccuparsi del funzionamento interno delle rispettive aziende (una posizione si riferisce alla quantità di un titolo o di un fondo che si possiede).

Trading di posizione

Offre ai trader più tempo di trading rispetto al trading intraday. Infatti, può mantenere le azioni per mesi. Può anche mantenere le azioni per un periodo più lungo osservando il temperamento dei prezzi e le tendenze tecniche.

Swing Trading

Bitcoin Swing Trading Strategy
Bitcoin Swing nel 2018

Lo swing trading si riferisce alla pratica di cercare di trarre profitto dalle fluttuazioni del mercato in un periodo che va da un giorno a diverse settimane. Se le perdite possono essere mantenute a livelli accettabili utilizzando tecniche di stop-loss, lo swing trading può essere redditizio e fornire una buona prospettiva per studiare i movimenti di mercato a breve e lungo termine. Lo svantaggio dello swing trading è che il trader deve lavorare sodo per tutto il tempo per gestire le operazioni, il che significa che potrebbe perdere potenziali profitti a causa dei movimenti del mercato.

Come fare trading sulle azioni

Per fare trading sulle azioni, deve aprire un conto di intermediazione. Un conto di intermediazione è un conto aperto presso un broker con una piattaforma per la negoziazione di un diverso tipo di attività – una società che compra e vende azioni per suo conto. Una volta aperto un conto di intermediazione, puoi depositarvi denaro e iniziare a comprare e vendere azioni!

1. Aprire un conto di intermediazione

Il trading azionario richiede il finanziamento di un conto di intermediazione, un tipo specifico di conto destinato a contenere gli investimenti. Se non hai ancora un conto di questo tipo, puoi aprirne uno presso un broker online in pochi minuti. Ma non preoccuparti, aprire un conto non significa ancora investire il tuo denaro. Ti dà solo la possibilità di iniziare quando sarai pronto.

Dai un’occhiata al confronto di Ecoinomy tra le migliori piattaforme di trading.

2. Stabilisci un budget per il trading azionario

Anche se sembri avere un talento per il trading azionario, destinare più del 10% del tuo portafoglio a un singolo titolo può esporre i tuoi risparmi a un’eccessiva volatilità. Investi solo l’importo che puoi permetterti di perdere. Non utilizzare il denaro per spese obbligatorie a breve termine, come anticipi o rette scolastiche. Taglia quel 10% se non hai già un solido fondo di emergenza e il 10-15% del tuo reddito in un conto di risparmio per la pensione.

3. Impara a usare gli ordini di mercato e gli ordini limite

Quando acquisti o vendi azioni, devi creare un ordine. Esistono due tipi di ordini azionari: gli ordini di mercato e gli ordini limite.

L’ordine dimercato è un ordine in cui accetti di acquistare o vendere un’azione al prezzo di mercato corrente. Ad esempio, supponiamo che tu voglia acquistare le azioni Apple. Il prezzo di mercato attuale delle azioni Apple è di 100 euro per azione. Se crei un ordine di mercato, acquisterai le azioni a 100 euro l’una.

L’ordine limite è un ordine che prevede l’acquisto o la vendita di un’azione a un determinato prezzo. Ad esempio, supponiamo che tu voglia acquistare azioni Apple, ma che tu voglia pagare solo 98 euro per azione. In questo caso entra in gioco un ordine limite che prevede l’acquisto del titolo solo se raggiunge il prezzo da te specificato di 98 euro per azione. L’esecuzione dell’ordine può richiedere del tempo, a seconda delle condizioni del mercato azionario. Tuttavia, il prezzo potrebbe non scendere al livello desiderato e potresti non riuscire a completare il tuo ordine. Se vuoi acquistare o vendere un’azione immediatamente, devi inserire un ordine di mercato. Se invece vuoi acquistare o vendere un’azione a un determinato prezzo, devi inserire un ordine limite.

4. Fare pratica con il paper trading

Per fare un po’ di esperienza iniziale e, come si suol dire, per testare le acque, prova a investire nel mercato senza investire denaro, per vedere come funziona. Puoi farlo investendo il tuo tempo, scegliendo un titolo e osservandolo per 3-6 mesi per vedere come si comporta. Può anche studiare il mercato attraverso gli strumenti di paper trading offerti da molti broker azionari online. Il trading virtuale con i simulatori del mercato azionario permette ai clienti di testare il proprio acume di trading e di acquisire esperienza prima di puntare denaro reale.

Dove fare trading – piattaforme di trading azionario?

Per fare trading di azioni hai bisogno di un broker, ma non fidarti di un broker qualsiasi. Scegline uno che abbia una buona piattaforma di trading azionario, termini e strumenti che si adattino al meglio al tuo stile di investimento e alla tua esperienza. Una priorità assoluta per i trader attivi è rappresentata dalle commissioni basse e dalla rapidità di esecuzione degli ordini per le operazioni sensibili al fattore tempo. Scopri le nostre recensioni e opinioni sulle piattaforme di trading per azioni, criptovalute e altri asset.


skilling logo
Broker

Valutazione ecoinomy:

9.5/10

Leva massima Fino a 50:1
Deposito minimo 100 EUR
Commissioni di trading 1%
Licenze UE
Criptovalute 51+ BTC-Coin-IconETH-Coin-IconMIOTA-IconBCH-IconRipple-IconDASH-IconEOS-IconLTC-IconNEO-IconXLM-IconZEC-IconEthereum-Classic-IconTezosMoneroCosmosVechainUniswap
Metodi di pagamento SEPA, VISA, MasterCard, Trustly, Skrill, Neteller, Klarna, Swish
Numero di utenti 300.000+

Sicurezza

Spese

Facilità d'uso

Servizio clienti


Apri il tuo conto »

eToro-Icon
Ibrido

Valutazione ecoinomy:

9.1/10

Leva massima Fino a 30:1
Commissioni di transazione Spread 1%
Licenze UE, USA, Regno Unito, Austalia, Medio Oriente
Criptovalute 79+ BTC-Coin-IconETH-Coin-IconMIOTA-IconBCH-IconRipple-IconDASH-IconADA-Coin-IconEOS-IconLTC-IconNEO-IconXLM-IconZEC-IconEthereum-Classic-IconBNB-Icon
Metodi di pagamento PayPal, carta di debito/credito, Skrill, Neteller, bonifico bancario SEPA, WebMoney
Numero di utenti 25.000.000+

Sicurezza

Spese

Facilità d'uso

Servizio clienti


Apri il tuo conto »

Gli investimenti in criptoasset sono altamente volatili e non regolamentati in alcuni Paesi dell'UE. Non c'è protezione per i consumatori. Possono essere applicate imposte sui profitti.


Investire in azioni o fare trading di azioni: qual è la differenza?

I termini “investire” e “fare trading” sono spesso usati in modo intercambiabile. Tuttavia, esistono differenze significative tra le due strategie finanziarie. Ecco come si differenziano queste due strategie.

Investire in azioni

In generale, l’obiettivo dell’investimento in azioni è quello di accumulare ricchezza a lungo termine. Gli investitori spesso detengono azioni per anni o addirittura decenni con l’obiettivo di generare guadagni significativi grazie all’aumento dei prezzi delle azioni e dei dividendi nel corso del tempo. Gli investitori tendono a sperimentare periodi di scarso rendimento, aspettandosi che alla fine le azioni si riprendano e che le perdite a breve termine vengano recuperate.

Trading azionario

Lo scopo del trading azionario è quello di generare profitti a breve termine. I trader detengono le azioni per un periodo di tempo molto più breve rispetto agli investitori, spesso acquistando e vendendo nel giro di settimane, giorni o addirittura ore. Invece di concentrarsi sulle prospettive a lungo termine dell’azienda, come fanno gli investitori, i trader si concentrano sulla direzione che probabilmente prenderà il titolo e cercano di trarre profitto da quel movimento. I trader spesso utilizzano ordini di stop-loss per chiudere automaticamente le operazioni in perdita a un livello di prezzo predeterminato al fine di proteggere il proprio capitale.

Analisi del prezzo delle azioni

Prima di investire in azioni, è bene fare delle ricerche. Lo scopo della ricerca sui titoli azionari è quello di determinare quali sono i titoli che vale la pena acquistare e quali invece vanno evitati. Esistono due forme fondamentali di ricerca sulle azioni. L’analisi fondamentale e l’analisi tecnica.

1 Analisi fondamentale.

L’analisi fondamentale consiste nell’esaminare tutte le informazioni disponibili su un’azienda, compresi i suoi risultati finanziari, la sua forza finanziaria e la minaccia dei concorrenti, per determinare se un titolo è sottovalutato o sopravvalutato. In questa forma di analisi, gli investitori esaminano i dati finanziari e spesso utilizzano gli indici finanziari per determinare se un titolo vale la pena di essere acquistato. Tre indici popolari utilizzati nell’analisi fondamentale:

Rapportoprezzo/utili (P/E): è il rapporto tra il prezzo delle azioni di una società e i suoi utili per azione. Il rapporto P/E è utile perché può essere utilizzato per confrontare le valutazioni di diversi titoli.

Rendimento del dividendo: è il rapporto tra il dividendo per azione di una società e il suo prezzo. Spesso viene espresso in percentuale. Il rendimento da dividendo è utile perché permette all’investitore di confrontare i dividendi offerti da diverse società.

Rendimento del patrimonio netto (ROE): è il rapporto tra l’utile netto di una società e l’ammontare del patrimonio netto (attività meno debiti) presente nel suo bilancio. Il ROE misura la redditività di un’azienda. La seconda forma di analisi è nota come analisi tecnica.

2. L’analisi tecnica

Nell’analisi tecnica, gli investitori osservano i grafici delle azioni e analizzano le tendenze, i modelli e gli indicatori nel tentativo di prevedere il movimento futuro di un titolo. Chi utilizza l’analisi tecnica ritiene che i movimenti storici dei prezzi possano essere utilizzati per prevedere i movimenti futuri dei prezzi. Tre popolari strategie di analisi tecnica:

Trading sulle tendenze: questa strategia mira a generare profitti analizzando la tendenza di un titolo. Un trend si osserva quando un titolo si muove in una direzione per un lungo periodo di tempo. Una volta identificata la tendenza, è possibile trarne profitto facendo trading nella stessa direzione della tendenza.

Trading con supporto e resistenza: Questa strategia mira a generare profitti identificando i livelli di supporto e resistenza di un titolo. Il supporto è il livello sul grafico al di sotto del quale è improbabile che il prezzo del titolo scenda. La resistenza è il livello al di sopra del quale è improbabile che il prezzo del titolo salga. Una volta identificate queste aree, è possibile trarre profitto piazzando operazioni nell’area in cui è probabile che il prezzo delle azioni si inverta.

Trading con breakout: questa strategia mira a generare profitti identificando i titoli che hanno superato i livelli di supporto o di resistenza stabiliti. I breakout possono essere segnali forti, soprattutto se confermati da altri indicatori di analisi tecnica. L’analisi fondamentale e l’analisi tecnica hanno i loro vantaggi e svantaggi.

Per questo motivo, molti investitori utilizzano una combinazione di entrambi i metodi per prendere decisioni di investimento. Gli investitori che sono alle prime armi con il trading dovrebbero cercare un broker che possa insegnare loro gli strumenti del mestiere attraverso articoli educativi, tutorial online e seminari in presenza. Consulta la nostra recensione per saperne di più sulla eToro Academy, che offre un’ampia gamma di materiali didattici per i trader alle prime armi.

Rischi del trading e dell’investimento in azioni

Tutte le forme di investimento comportano un certo grado di rischio e l’investimento in azioni non è diverso. È importante che gli investitori alle prime armi siano consapevoli dei rischi. Alcuni dei principali rischi associati all’investimento in azioni sono:

Rischio specifico del titolo: si tratta del rischio che un titolo non renda al meglio. Ogni azione ha una serie unica di fattori di rischio ed è importante essere consapevoli dei rischi prima di investire.

Rischiodi liquidità: è il rischio che tu non riesca a vendere un titolo che possiedi a un prezzo equo a causa della mancanza di acquirenti. Il rischio di liquidità tende ad aumentare durante i periodi di volatilità del mercato azionario.

Rischio di leva finanziaria: sebbene la leva finanziaria sia uno strumento potente che può aumentare i profitti, può anche aumentare le perdite. Se si utilizza una leva elevata per fare trading, anche un movimento di prezzo relativamente piccolo nella direzione sbagliata può portare a perdite significative. È importante sapere che le perdite possono superare l’importo investito.

Rischio di mercato: è il rischio che gli sviluppi economici o altri eventi abbiano un impatto negativo sul mercato azionario generale, come è accaduto nel 2022 soprattutto per le azioni statunitensi, e portino a un calo dei prezzi delle azioni in tutti i settori.

Strategie di gestione del rischio per investire in azioni

Non è mai possibile eliminare completamente il rischio quando si investe in azioni, ma è possibile ridurlo. Uno dei modi più efficaci per ridurre il rischio è la diversificazione del portafoglio.

Si tratta di distribuire il tuo denaro tra diversi titoli azionari in modo da non essere eccessivamente esposto a un singolo titolo. Possedere un portafoglio diversificato che contiene molti titoli diversi è meno rischioso che possedere solo uno o due titoli.

Adottare un orizzonte di investimento a lungo termine è un’altra strategia che può aiutare a ridurre il rischio di perdere denaro. Nel breve periodo, le azioni possono essere molto volatili. Nel lungo periodo, invece, il mercato azionario tende a salire. In generale, più a lungo si investe, minore è la possibilità di perdere denaro.

Anche glistop loss possono essere un efficace strumento di gestione del rischio. Gli stop loss aiutano a minimizzare le perdite di investimento chiudendo le posizioni perdenti prima che si accumulino grandi perdite. Infine, è saggio adottare un’ampia asset allocation (la combinazione di diverse attività nel tuo portafoglio). Gli investitori più saggi tendono a distribuire il proprio denaro su più classi di attività, tra cui azioni, obbligazioni, materie prime ed ETF di criptovalute, in quanto ciò contribuisce a ridurre il rischio complessivo del portafoglio. In ogni caso, il tempo speso per imparare le basi della ricerca sulle azioni e per sperimentare gli alti e bassi del trading azionario – anche se questi ultimi sono maggiori – è tempo ben speso a patto che tu ti goda il viaggio e non giochi soldi che non puoi permetterti di perdere.

Per diversificare il tuo portafoglio, consulta anche la nostra guida all’acquisto di criptovalute.

Come gestire i rischi nel trading azionario

Il trading di azioni comporta dei rischi. Il mercato azionario è volatile, il che significa che i prezzi delle azioni possono salire e scendere molto rapidamente. Questa volatilità può essere rischiosa per gli investitori, in quanto comporta delle perdite in caso di ribasso dei prezzi delle azioni.

1. Stop loss

Lo stop-loss è un ordine che stabilisce un prezzo al quale venderai un’azione se scende al di sotto di tale prezzo. Ad esempio, supponiamo di possedere azioni Apple e di aver impostato un prezzo di stop-loss di 95 euro per azione. Se il prezzo delle azioni scende al di sotto di 95 euro per azione, il tuo broker venderà automaticamente le azioni. In questo modo, hai la possibilità di uscire dalla tua posizione quando inizia una tendenza al ribasso.

2. Media del costo del dollaro (DCA)

Il Dollar Cost Averaging (DCA) consiste nell’investire regolarmente un importo fisso in dollari, indipendentemente dal prezzo delle azioni. È un buon modo per sviluppare un’abitudine disciplinata all’investimento, per essere più efficienti nel modo in cui si investe e per ridurre potenzialmente il livello di stress e le spese.

3. Evita i “consigli a caldo

Le persone che pubblicano nei forum online di stock picking e pagano per annunci sponsorizzati su azioni sicure o cripto-protezioni non sono tuoi amici. In molti casi, fanno parte di uno schema di “pump and dump” in cui persone losche acquistano secchiate di azioni di una società poco conosciuta e sottovalutata (spesso penny stock) e le pubblicizzano su internet. Quando investitori senza scrupoli si avventano sul titolo e fanno salire il prezzo, i truffatori prendono i loro profitti, scaricano le azioni e fanno scendere il prezzo. Non li aiuterai a riempire le loro tasche.

Conclusione

Per fare trading sulle azioni, una volta capito come funziona, devi scegliere un broker che offra un piano di trading sulle azioni. Scegli quello che offre le condizioni e gli strumenti più adatti al tuo stile di investimento e alla tua esperienza. Indicatori importanti sono le commissioni basse e la rapidità di esecuzione degli ordini per le operazioni sensibili al fattore tempo. Alcuni dei broker affidabili che abbiamo testato sono eToro, Skilling e Plus500.

Gli investitori che sono alle prime armi con il trading dovrebbero cercare un broker che possa insegnare loro gli strumenti del mestiere attraverso articoli educativi, tutorial online e seminari di persona. Altre caratteristiche da considerare nelle app per il trading azionario sono la qualità e la disponibilità di strumenti di screening e analisi dei titoli, gli avvisi in movimento, la facilità di inserimento degli ordini e il servizio clienti. In ogni caso, il tempo speso per imparare le basi della ricerca sui titoli e per sperimentare gli alti e bassi del trading azionario – anche se questi ultimi sono maggiori – è tempo ben speso a patto che tu ti goda il viaggio e non giochi soldi che non puoi permetterti di perdere.

Domande frequenti sul trading o sull’investimento in azioni

Quale sito di trading azionario è il migliore per i principianti?

Bitcoin Capital ha confrontato e classificato i broker di trading online in base a quali sono i migliori per i principianti. Questa lista prende in considerazione la selezione degli investimenti, il servizio clienti, le commissioni del conto, l’importo minimo del deposito, i costi di trading e altro ancora.

È possibile negoziare azioni con 100 euro?

Sì, a patto che il prezzo delle azioni sia inferiore a 100 euro e che il tuo conto di intermediazione non preveda importi minimi richiesti o commissioni che aumentino la transazione oltre i 100 euro. Alcuni broker ti permettono anche di acquistare azioni parziali, il che significa che puoi comprare una parte di un’azione se non puoi permetterti il prezzo completo.

Qual è la differenza tra il trading azionario e l’investimento?

La differenza principale è la frequenza con cui le azioni vengono acquistate e vendute. I trader acquistano e vendono su base giornaliera o settimanale, mentre gli investitori generalmente acquistano e detengono le azioni a lungo termine.

Gianluca Lombardi

Gianluca è il caporedattore di questo sito. Laureato in finanza, è un trader attivo che ha testato tutte le piattaforme di trading e ne conosce tutti i segreti. La tecnologia è la sua passione e trascorre gran parte del suo tempo libero nel metaverso. Gianluca ama imparare cose nuove, ricercare, discutere e scrivere di tecnologia, soprattutto quando si tratta di criptovalute e tecnologia blockchain.